We use cookies to improve your browsing experience and to let you purchase items on our website. If you scroll or click here you accept the use of cookies.
Back to
Rigenerazione
Web Fashion Academy • 14 novembre, 2021


Il nostro pianeta ci sta raccontando una storia.
Le connessioni vitali sono state recise tra gli esseri umani e la Natura, all'interno della Natura stessa e tra le persone, le religioni, i governi e il commercio. Questa disconnessione è l'origine della crisi climatica; è la vera radice, è da qui che dobbiamo partire a scoprire soluzioni e azioni che possono coinvolgere tutte le persone, indipendentemente da reddito, razza, genere o credo.
Viviamo su un pianeta morente, questa è una frase che avrebbe potuto sembrare gonfiata o esagerata non molto tempo fa.
Il declino biologico della terra è il modo in cui si adatta a ciò che stiamo facendo. La Natura non sbaglia mai. Noi sbagliamo. La terra tornerà in vita, qualunque cosa accada. Nazioni, popoli e culture probabilmente no.
Se mettere il futuro della vita al centro di tutto quello che facciamo non è fondamentale per il nostro scopo e destino, perché siamo qui?

Rigenerare significa mettere la vita al centro di ogni azione e decisione.
Si applica a tutta la creazione - praterie, fattorie, persone, foreste, pesci, zone umide, coste e oceani -e si applica ugualmente alla famiglia, alle comunità, alle città, alle scuole, alla religione, alle culture,al commercio e ai governi.
La Natura e l'umanità sono composte da reti di relazioni squisitamente complesse, senza le quali le foreste, le terre, gli oceani, i popoli, i paesi e le culture perirebbero. Le cause dirette della crisi climatica sono automobili, edifici, guerre, deforestazione, povertà, petrolio, corruzione, carbone, agricoltura industriale, consumo eccessivo e fracking, tra le altre.
Hanno tutte la stessa origine e impatto: le strutture economiche create per sostenere il benessere umano degenerano la vita sulla Terra, creando perdite, sofferenze e un pianeta sempre più caldo.
Il sistema finanziario sta favorendo e investendo nella fine del pianeta, attuando cause a breve termine per realizzare nel modo più rapido ricchezze monetarie causando impoverimento biologico, povertà e disuguaglianza.


Negli ultimi quarant'anni, il modo più efficace per invertire il cammino verso il riscaldamento globale è stato ampiamente trascurato. La combustione dei combustibili fossili è la causa primaria del riscaldamento e deve cessare rapidamente; senza questo non c'è cura. Tuttavia, per stabilizzare il clima, dobbiamo anche risparmiare anidride carbonica.
L'unico modo efficace e tempestivo per invertire la crisi climatica è la rigenerazione della vita in tutte le sue manifestazioni, umane e biologiche. È anche il modo più avvincente, prospero e inclusivo. La degenerazione biologica ci ha portato sull'orlo di una crisi inimmaginabile. Per invertire il riscaldamento globale, dobbiamo invertire la degenerazione globale.

I nostri sistemi economici, gli investimenti e le politiche possono provocare la degenerazione del mondo o la sua rigenerazione. Possiamo decidere di rubare il futuro o creare il futuro. Possiamo descrivere l'attuale sistema economico con una parola: estrattivo. Prendiamo, arginiamo, schiavizziamo, sfruttiamo, frackizziamo, trivelliamo, avveleniamo, bruciamo, tagliamo, uccidiamo. L'economia sfrutta le persone e l'ambiente. La causa continua della degenerazione sono la disattenzione, l'apatia, l'avidità e l'ignoranza.
Il cambiamento climatico, può far sentire le persone come se dovessero fare una scelta tra "salvare il pianeta" e la propria felicità, benessere e prosperità. Ma non è affatto così. La rigenerazione non è solo riportare in vita il mondo ma riportare vita in ciascuno di noi. Ha significato e peso; esprime fede e gentilezza; coinvolge immaginazione e creatività. È inclusiva, coinvolgente e generosa. E tutti possono attuarla. Ripristina foreste, terre, fattorie e oceani. Trasforma le città, costruisce alloggi ecologici a prezzi accessibili, inverte l'erosione del suolo, ringiovanisce le terre degradate e alimenta le comunità rurali.
La rigenerazione planetaria crea mezzi di sussistenza: occupazioni che portano la vita alle persone e le persone alla vita, lavoro che ci lega al benessere reciproco. Offre una via d'uscita dalla povertà perchè fornisce alle persone motivazione, un degno coinvolgimento con la loro comunità, un salario di sussistenza e un futuro di dignità e rispetto.

Nel dicembre 2020, il dott. Joeri Rogelj del Grantham Institute di Londra, autore principale del Sixth Assessment Report of the Intergovernmental Panel on Climate Change, rilasciò una dichiarazione straordinaria: "Abbiamo scoperto che, se portiamo anidride carbonica [emissioni] fino allo zero netto, il riscaldamento si stabilizzerà. Il clima si può stabilizzare entro un decennio o due. Se ci riusciremo ce ne sarà stato poco e non ci sarà alcun riscaldamento aggiuntivo. La nostra migliore stima è zero.” Questo è stato un sorprendente cambiamento nel consenso scientifico. Per decenni si è ipotizzato che, se fossimo stati in grado di fermare le nostre emissioni di carbonio, lo slancio del riscaldamento sarebbe continuato per secoli. Era sbagliato. La scienza del clima ora indica che il riscaldamento globale comincerà a diminuire dopo aver raggiunto zero emissioni di carbonio.

Questo è un momento spartiacque nella storia.
Il pianeta che riscalda è un problema comune. Ci riguarda tutti. Affrontare e invertire la crisi climatica richiede connessione e reciprocità. Richiede di uscire dalle nostre zone di comfort per trovare una profondità di coraggio che potremmo non aver mai conosciuto. Non significa avere ragione in un modo che fa sbagliare gli altri; significa ascoltare con attenzione e rispetto, ricucendo i fili spezzati che ci separano dalla vita e gli uni dagli altri. Non significa né speranza né disperazione; è un'azione coraggiosa e senza paura. Abbiamo creato un sorprendente momento di verità. La crisi climatica non è un problema scientifico. È un problema umano. Il potere ultimo di cambiare il mondo non risiede nelle tecnologie. Si basa sulla riverenza, il rispetto e la compassione, per noi stessi, per tutte le persone e per tutta la vita. Questa è la rigenerazione.
La crisi climatica non è il riscaldamento del pianeta. Ciò che preoccupa gli scienziati è come il riscaldamento cambierà la vita sul pianeta. I cambiamenti nella temperatura atmosferica, le correnti oceaniche e lo scioglimento dei ghiacci polari potrebbero innescare disagi incontrollati su più fronti e punti di non ritorno rapidamente successivi. Le perdite potrebbero includere siccità più frequenti ai tropici che convertirebbero le foreste pluviali del mondo in savane soggette a incendi. I cambiamenti nella circolazione oceanica altererebbero drasticamente il clima e l'agricoltura in tutto il mondo. Il rapido aumento di incendi e parassiti potrebbe portare al collasso le nostre foreste settentrionali. Il riscaldamento e l'acidificazione degli oceani potrebbero causare la morte di ogni barriera corallina del mondo. Lo scioglimento accelerato del ghiacciaio Thwaites in Antartide causerebbe un aumento di tre piedi del livello del mare. Lo scioglimento del permafrost artico rilascerebbe enormi quantità di anidride carbonica e metano antichi immagazzinati. È difficile, se non incomprensibile, immaginare come questi eventi influenzerebbero famiglie, città, economie, aziende, cibo, politica e bambini in climi più temperati. Tuttavia, non è difficile per più di due dozzine di culture artiche, che stanno già vivendo l'impatto dello scioglimento dell'Artico direttamente e rapidamente: Inuit, Yupik, Chukchi, Aleuts, Saami, Nenets, Athabaskan, Gwich'in e Kalaallit, sono culture che hanno occupato le loro terre per più di diecimila anni. Per quanto accurate possano essere, le previsioni climatiche possono oscurare un'altra serie di punti, dati da tanti numerosi piccoli cambiamenti e risultati di cruciale importanza portati dal coinvolgimento e dalla
partecipazione delle persone, piuttosto che dalla passività e dalla paura. Queste azioni, sono quelle che rallentano, prevengono e trasformano la crisi climatica. Porre fine alla crisi climatica significa creare una società che va nella giusta direzione alla giusta velocità entro il 2030, un tasso di cambiamento che porterà a zero emissioni nette prima del 2050. Ciò significa dimezzare le emissioni entro il 2030 e poi dimezzarle di nuovo entro il 2040. Decine di migliaia di organizzazioni, insegnanti, aziende, architetti, agricoltori, culture indigene e leader nativi sanno cosa fare e sono attivi nell'implementazione.
L'attuale crescita del movimento per il clima è magnifica, ma rimane una piccola frazione del mondo. Centinaia di milioni di persone hanno bisogno di rendersi conto che hanno libero arbitrio, che possono agire e che collettivamente è possibile prevenire il riscaldamento globale incontrollato.

L'agente che può scongiurare la crisi climatica sta leggendo questa frase. Logicamente, questo sembra un'assurdità: sicuramente gli individui sono impotenti a contrastare i fattori globali e il progresso del riscaldamento globale. Questa è una considerazione giusta se assumiamo che dovrebbero farlo le istituzioni di ieri o crediamo che lo faranno per noi. C'è un acceso dibattito sul fatto che discute quale possa essere la chiave per risolvere la crisi climatica, e cioè, se il comportamento individuale o la politica del governo. Non dovrebbe esserci. Abbiamo bisogno del coinvolgimento di ogni settore della società, dalla cima alla base, compreso tutto quello che ci sta in mezzo. È coinvolgente e affascinante calcolare la propria impronta
di carbonio, ma la rigenerazione prende una strada diversa e molto più ampia, perché non esiste un singolo individuo.
C'è l'auto-identità, e c'è l'essere come individuo. Essere un individuo è essere parte di una connessione continua, funzionale e intima con il mondo umano e vivente. Quando guardiamo alle nostre reti, ognuno di noi diventa moltitudine. Abbiamo competenze e potenzialità diverse, tra cui la condivisione, l'elezione,la dimostrazione, l'insegnamento, la conservazione e diversi mezzi per aiutare i leader, le città, le aziende, i vicini, i colleghi e i governi a diventare consapevoli e in grado di agire.

Siamo preoccupati di non essere degli esperti? Quasi nessuno lo è. Ma abbiamo capito abbastanza. Sappiamo come funzionano i gas serra e come riscaldano il pianeta; stiamo assistendo a una maggiore volatilità del clima e condizioni meteorologiche estreme; e conosciamo le fonti primarie di emissioni di carbonio.Vogliamo un clima stabile, sicurezza alimentare, acqua pura, aria pulita e un futuro duraturo di cui possiamo diventare antenati. Culture, famiglie, comunità, terre, professioni e abilità variano da persona a persona. Le situazioni in cui ci troviamo sono diverse. Chi meglio di ognuno di noi sa cosa fare in questo momento, in questo luogo, con la propria conoscenza?

Tuttavia, risolvere la crisi climatica è un atto innaturale, che gli esseri umani non sono in grado di compiere. Le nostre menti semplicemente non funzionano in questo modo. L'idea di una futura minaccia esistenziale è astratta e concettuale. Chi si sveglia al mattino entusiasta di mitigare o arrivare a “zero netto” tra trent'anni? La maggior parte delle persone ignora i titoli sul clima, e per una buona ragione. La stragrande maggioranza si concentra sui dilemmi attuali, non su quelli lontani, e sugli ostacoli che hanno un impatto sulla propria vita ora, non nel 2050. D'altra parte, gli esseri umani sono particolarmente brillanti nell'unirsi per risolvere i problemi. Dateci minacce immediate come un imminente ciclone, inondazione o uragano, e ce la faremo. Se intendiamo coinvolgere la maggior parte dell'umanità per porre fine alla crisi climatica, il modo per farlo è controintuitivo: per invertire il riscaldamento globale, dobbiamo affrontare le attuali esigenze umane, non un futuro distopico
immaginato.

 

Le credenze non cambiano le nostre azioni. Le azioni cambiano le nostre convinzioni.
Lo stress è il tuo cervello che ti dice di agire, un segnale che ti spinge a fare qualcosa.

Se vogliamo ottenere l'attenzione dell'umanità, l'umanità ha bisogno di sentire che sta ricevendo attenzione.
Se vogliamo salvare il mondo dalla minaccia del riscaldamento globale, dobbiamo creare un mondo che valga la pena di essere salvato. Se non serviamo i nostri figli, i poveri e gli esclusi, non affrontiamo la crisi climatica. Se i diritti umani fondamentali e i bisogni materiali non vengono soddisfatti, gli sforzi per arginare la crisi falliranno. I bisogni delle persone e dei sistemi di vita sono spesso presentati come priorità in conflitto: - biodiversità contro povertà, o foreste contro fame - quando in realtà i destini della società umana e del mondo naturale sono inseparabilmente intrecciati, se non identici. La giustizia sociale non è un baraccone per l'emergenza. L'ingiustizia è la causa. Dare a ogni bambino un'istruzione; fornire energia rinnovabile a tutti; cancellare lo spreco alimentare e la fame; garantire equità di genere, giustizia economica e opportunità condivise; riconoscere la nostra responsabilità e fare ammenda alla miriade di comunità del mondo per le ingiustizie passate: queste e altre sono al centro di ciò che può invertire la tendenza per tutta l'umanità, ricca e povera, e tutti in mezzo. Invertire la crisi climatica è un risultato. Lo scopo è rigenerare la sicurezza e il benessere umani, il mondo vivente e la giustizia. Ciò richiede uno sforzo globale, collettivo e impegnato. I collettivi non emergono dai vertici delle istituzioni.
Cominciano con una persona e poi un'altra, lo spazio sociale invisibile dove impegno e azione si uniscono e si uniscono per diventare una diade, un gruppo, una squadra, un movimento. Per dirla semplicemente, nessuno viene in aiuto. Non c'è un trust di cervelli che risolverà i problemi mentre riflettiamo e aspettiamo. Le tecnologie climatiche più complesse e radicali sulla Terra sono il cuore, la testa e la mente umani, non un pannello solare. Proprio come ci troviamo sull'abisso di un'emergenza climatica, ci troviamo anche sulla soglia di una notevole opportunità.
Il tasso di comprensione e di risveglio sui cambiamenti climatici sta aumentando in modo esponenziale, addirittura alle stelle. Il cambiamento climatico sta diventando esperienziale piuttosto che concettuale. Man mano che il tempo diventa sempre più dirompente e la consapevolezza e la preoccupazione aumentano, il movimento per invertire la crisi climatica diventerà probabilmente il più grande movimento nella storia dell'umanità. Ci sono voluti decenni per creare questo momento.

È naturale preoccuparsi che il problema importi poco, soprattutto se stai agendo e se gli altri intanto non lo fanno. Dal punto di vista del pianeta,non c'è differenza tra un negazionista del clima e qualcuno che capisce il problema, ma non fa nulla. La causa numero uno del cambiamento umano è quando le persone intorno a noi cambiano. La ricerca del neuroscienziato di Stanford Andrew Huberman, capovolge l'idea che le convinzioni determinino ciò che facciamo o ciò che possiamo fare.
È il contrario. Le credenze non cambiano le nostre azioni. Le azioni cambiano le nostre convinzioni.
Credi che non ci sia niente che puoi fare per fare la differenza? Logico.
Hai paura del futuro? Comprensibile.
Ti senti stressato per il cambiamento climatico? Sensato.
Tuttavia, lo stress è il tuo cervello che ti dice di agire.
Lo stress è un segnale; ti sta spingendo a fare qualcosa.
Non solo le azioni cambiano le tue convinzioni, le proprie azioni cambiano le convinzioni degli altri.

 

Non è compito tuo salvare il pianeta. L'idea stessa di salvare la terra è un peso, perché non puoi farlo comunque.Un'altra convinzione che stressa la mente è che il carbonio sia cattivo. Non esiste una cosa come l'inquinamento da carbonio. Amanda Joy Ravenhill, la meravigliosa donna con cui ho fondato Project Drawdown, una volta ha scherzato sul fatto che il carbonio è l'elemento che tiene per mano e collabora. È parte integrante di tutto ciò di cui abbiamo bisogno, produciamo e tocchiamo, tutto ciò che è vivo, delizioso, sorprendente e sacro. Abbiamo immesso quantità straordinarie di carbonio nell'atmosfera e sappiamo esattamente come l'abbiamo fatto e come continuiamo a farlo. È tempo di ascoltare ciò che il nostro pianeta ci sta insegnando: la lezione numero 1 è portare il pianeta in equilibrio. La terra ci sta rimettendo su quale dovrebbe essere questo equilibrio. È approssimativamente il livello medio di anidride carbonica atmosferica osservato negli ultimi ottocentomila anni.
Il carbonio che risparmieremo è il cibo necessario per rigenerare la vita sulla Terra. Se nutri la terra, curi il clima.

Infine, la rigenerazione è vicina a te quanto il tuo corpo. Non leggeresti questa frase se il tuo corpo non rigenerasse i suoi 30 trilioni di cellule ogni nanosecondo. La rigenerazione è anche ciò che il pianeta fa ogni secondo. È la modalità di vita predefinita. Puoi uccidere, avvelenare, bruciare o reprimere la vita sulla Terra, ma quando questo cessa, inizia la rigenerazione. Ora è il momento di rigenerare la civiltà. La parola chiave siamo noi. È privilegio di tutti amare il pianeta, amare le persone e il posto in cui ti trovi. Alla domanda sulla crisi climatica, il poeta vincitore del Premio Pulitzer Gary Snyder ha detto che la cosa più importante da fare era non sentirsi in colpa; l'unico modo per ripristinare il pianeta era amarlo.
Il nostro lavoro, il nostro privilegio, è portare la nostra vita, le nostre pratiche, i nostri prodotti, le nostre città, la nostra agricoltura e tutto il resto in linea con il mondo vivente e porre fine alla crisi climatica. Non possiamo farlo se crediamo o supponiamo che altri lo facciano per noi. Tutte le iniziative sono degne compagne e alleate. Abbiamo un interesse comune e tale interesse può essere servito solo se veniamo e lavoriamo insieme.
Benvenuti nella rigenerazione.






 A CLIMATE CHECKLIST

Nel suo libro The Checklist Manifesto, Atul Gawande delinea come prendere decisioni che generano azioni efficaci per problemi altamente complessi. Come chirurgo, Gawande ha creato liste di controllo simili a quelle utilizzate da piloti e copiloti prima di pilotare aerei con passeggeri. Voleva ridurre ed eliminare l'errore medico per i medici che eseguono operazioni su uno dei sistemi più complessi al mondo: il corpo umano. Nessuno, compresi i medici, comprende appieno il corpo umano, ma ciò non impedisce ai medici di essere chirurghi efficaci.

 

La crisi climatica è simile. È un sistema estremamente complesso e non c'è nessuno che lo capisca appieno. Ciò può tendere a farci credere che solo gli esperti possano risolvere la crisi. Diamo involontariamente il nostro potere a tecnocrati, leader internazionali o scienziati, e speriamo che facciano qualcosa e lo facciano bene. Pochi di noi sono esperti, ma questo non ci impedisce di capire cosa fare e come farlo. Le checklist per il clima possono guidare la nostra azione.
Una lista di controllo del clima è basata su principi chiari. Le linee guida sono domande per un sì o per un no. Ogni azione si muove verso un risultato desiderato o si allontana da esso.

 

1) L'azione crea più vita o la riduce?

2) Guarisce il futuro o ruba il futuro?

3) Migliora il benessere umano o lo diminuisce?

4) Previene le malattie o ne trae profitto?

5) Crea mezzi di sussistenza o li elimina?

6) Ripristina la terra o la degrada?

7) Aumenta il riscaldamento globale o lo diminuisce?

8) Serve ai bisogni umani o produce desideri umani?

9) Riduce la povertà o la espande?

10) Promuove i diritti umani fondamentali o li nega?

11) Dà dignità ai lavoratori o li svilisce?

12) In breve, l'attività è estrattiva o rigenerativa?

Sta a te decidere come applicare, valutare o valutare questi principi. La maggior parte di ciò che facciamo non spunta tutte le caselle. Tuttavia, come una bussola, ci mostra la direzione e dove andare. Utilizzando le linee guida, fai perno e inizi, azione dopo azione, poco a poco, passo dopo passo, per creare rigenerazione nella tua vita. Cosa sto mangiando? Come mai? Come mi sento? Cosa sta succedendo nella mia comunità? Cosa indosso? Cosa sto comprando? Cosa sto facendo? E così via.




 

 

 







 

Adattato da Regeneration: Ending the Climate Crisis in One Generation di Paul Hawken. © 2021.
Ristampato in accordo con Penguin Random House LLC (penguin.com)

Liberamente tradotto da https://tricycle.org/



 
 
 
 
 
 
 





 
libro, Paul Hawken, rigenerazione
ultimi post