We use cookies to improve your browsing experience and to let you purchase items on our website. If you scroll or click here you accept the use of cookies.
Back to
Matea Benedetti e Waste Couture
Web Fashion Academy • 07 settembre, 2018




Matea è venuta a trovare Venette, la sua intenzione ora è quella di migliorare sempre più le caratteristiche di sostenibilità  ambientale delle sue collezioni. Matea è una fashion designer che ama la Natura, lo dimostra quando sviluppa stampe che ci fanno immergere nella barriera corallina su preziose sete realizzate nel totale rispetto del la vita che si sviluppa all’interno del baco o quando è capace di realizzare con la pelle, fatta dagli scarti dell’ananas, capi e accessori che aggiungono stile molto desiderabile anche da chi questi necessari nuovi  modelli di consumo ancora non li sceglie in modo totalmente consapevole.

La sua energia creativa è contagiosa, e viene da me perché ora vorrebbe di più.

La sostenibilità della moda non si attua solamente conl’impegno ad usare un prodotto di ricerca ad impatto zero, ma sovvertendo un sistema  produttivo che ha logiche destabilizzanti per l’ambiente dal punto di vista dei cicli temporali.

Così come scrive George Monbiot sul post di The Guardian di un paio di giorni fa , non salveremo il pianeta  perché useremo i bicchieri in carta riciclata al posto di quelli di plastica. 

Anche nel sistema moda attuale la richiesta che deve urgentemente venire dagli eco designer  rispetto all’industria moda è quella che deve prevedere la riorganizzazione dei cicli produttivi, il reset totale dello  sviluppo deel prodotto  all’interno delle aziende manifatturiere disgregando leattuali dinamiche che prevedono gli scaglione temporali della realizzazione di “ collezioni” che automaticamente impongono dinamiche di realizzazione di prodotto soggetta ad obsolescenza programmata.

Matea si è informata meglio su quello che prevede la filiera Waste Couture, la prima filiera di produzione di moda che ha riabilitato il sistema andando a incidere in maniera integrale sulle dinamiche che affliggono lo stile, le produzioni e la distribuzione.

Ci piacerà parlare ancora di più di Matea perché sviluppando il suo lavoro sulla nostra filiera ve ne racconteremo ogni preciso momento e dettaglio, per illuminarvi sempre meglio sul perchè  la sostenibilità non è solo un vestito fatto con  con un tessuto biologico e farvi vedere con la sua collaborazione  si costruisce vera bellezza.















matea benedetti, waste couture, filiera sostenibile, moda, stile, biologico
ultimi post